Dinosauro

Scheda Tecnica

Autore: Plumcake
Anno: 1987
Misure: 110 x 62 x 10 cm
Tipologia: scultura
Materiale: smalto
Provenienza: Opera donata dal Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate nel 1987


Codice di inventario:
515

Dinosauro

Plumcake

Dinosauro è una scultura-oggetto composta da un blocco in vetroresina smaltata, che riprende le forme di una vegetazione a metà tra il fantastico e il paleogeografico, in cui è inserito un piccolo dinosauro prelevato dal mondo contemporaneo dei giocattoli. 

L’opera si presenta come il punto di incrocio tra ipotesi di differenti generi ed ere geologiche, tra il film di fantascienza e l’universo contingente dei consumi. Il piccolo objet trouvé, infatti, quasi annega immerso in quel magma fittizio e pop verde acido, ricordandoci che i beni di consumo, come in questo caso il piccolo giocattolo, hanno il potenziale di trasformare e sovvertire ordini e proporzioni, valori e certezze, anche le più banali.

Come nel lavoro degli altri esponenti del Nuovo futurismo – Abate, Innocente, Lodola e Postal – il collettivo Plumcake presta attenzione ad alcuni simboli e stereotipi del dinamismo futurista tipico delle Avanguardie Storiche, come la testa di cavallo con la criniera mossa dal vento della corsa, la ragazza in Vespa, il bambino che gioca con l’aereoplanino. Questi temi, giocosi e apparentemente disimpegnati, sono accompagnati sempre da un’estetica lucida e compatta, ancora una volta pop, e si fondano su un gioco di superfici dai colori contrastanti. Gli oggetti di Plumcake sono sempre, volutamente, privi di un’identità precisa come di una precisa collocazione spazio-temporale, sono piccole storie quotidiane venate di una irrealtà postmoderna, sono, come afferma Loredana Parmesani “oggetti costruiti per l’uomo fabulizzato che ognuno di noi è diventato”.

Nei primi anni novanta la loro ricerca prosegue con un’indagine sul tema della storia, intesa però, sempre come ipotesi incompleta per restituire l’immagine dell’attualità, e che dunque viene presentata con ironia, come fosse un motto di spirito. (LG)

 


Autore, Titolo, 1158