Nomadismo Nobile. Learning Week di Enzo Umbaca

Durante la settimana dal 17 al 22 novembre le attività culturali del museo ruoteranno intorno a due progetti paralleli davvero eccezionali, due workshop realizzati da importanti artisti italiani invitati al museo per l’occasione e curati dal Dipartimento Educativo del MA*GA insieme agli studenti dell ITE Enrico Tosi di Busto Arsizio ed Enaip Lombardia.

I due progetti sono:

Nomadismo Nobile, Learning Week* di Enzo Umbaca e

The Body of Energy (of the mind) workshop e performance di Stefano Cagol.

Nomadismo Nobile è un progetto dedicato alla possibilità di rileggere e reinterpretare la nostra quotidianità, attraverso l’azione artistica. Ai ragazzi verrà proposto di riflettere su come costruiscono, accumulano, trasformano la propria conoscenza seguendo una metafora: l’esperienza del viaggio. Il viaggio come momento culturale specifico, quello in cui si incontra l’altro, in cui attraverso il contatto con la diversità, la precarietà e la mobilità si impara, prima di tutto, ad osservare il mondo con occhi diversi.
Le attività porteranno alla costruzione di un’unica installazione, una sorta di grande tenda, realizzata con materiali tessili caratteristici del nostro territorio, e sarà anche un luogo di happening, di performance, di proiezioni di video e film, costruito insieme ai ragazzi.

Enzo Umbaca, Nato a Caulonia RC nel 1960, vive e lavora a Milano. Si è diplomato in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. Tra le mostre personali si segnalano: 2010 Educazione Europea Artecontemporanea Bruxelles, Belgio, curata da Roberto Pinto. 2009 Boat Wrecker/Demolitore di Barche, Galleria Francosoffiantino TO. 2007 Low voltage landscape, a+mbookstore, MI. 2006 Flash kick, Galleria Francosoffiantino TO. 2004 Intervista Campanella, Galleria Sogospatty, Roma. 2002 You’ll never walk alone, Artopia, MI. Prospect Placentia Arte Piacenza, 1999 Galleria Il Graffio, Bologna. 1994 Incroci di Voci, Viafarini, MI. Curata da Emanuela De Cecco. 1993 Misure Drastiche, Care/Of, Cusano Milanino.Tra le sue mostre collettive: 2012 Fuori Uso in Opera Cantiere Caldora, Pescara. Curata da Giacinto Di Pietrantonio AtWork Galerie La Manège, Istitut Francais de Dakar, Senegal. Obbligo di transito Galleria R. De Grada, San Giminiano, a cura di Carolina Taddei. Roaming, Copy-Left Alkatraz Gallery, Ljubljana, a cura di Alessandro Castiglioni e Ermanno Cristini. 2011 Il bel Paese dell’Arte, Etiche ed Estetiche della Nazione GAMeC, Bergamo, a cura di G. Di Pietrantonio e M. Teresa Rodeschini. 2010 Dwelling-in-Travel, Center for Contemporary Art Plovdiv, Bulgaria, a cura di Katia Anguelova, Andrea Wiarda. 2009 WE DO IT, Kunstraum Lakeside, Klagerfurt, Austria, a cura di Marco Scotini. Side Effect, MAC – Musèe d’Art Contemporain de Lyon, Lyon FR, a cura di Gabi Scardi. 2008 VideoREPORT ITALIA, Galleria Comunale d’Arte Contemporanea Monfalcone, a cura di Andrea Bruciati. 2007 La parola nell’arte, Museo Mart, Rovereto, a cura di G. Belli, Julia Trolp, A.B. Oliva. Silenzio, una mostra da ascoltare, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo TO, a cura di Francesco Bonami Capricci Casino Luxembourg, Luxembourg, a cura di Enrico Lunghi. On Parallel Economies, Suitcase Illuminated#5, P74 Center and Gallery Ljubljana Slovenia and Mac/Val – Musee d’Art Contemporain Paris FR, a cura di Katia Anguelova. 2006 New entry, C/O Careof Milano,a cura di Chiara Agnello. Confini-Boundaries, MAN Museo d’Arte di Nuoro, a cura di Roberto Pinto, Saretto Cincinelli e Cristiana Collu. The People’s Choice, Isola Arte Center, Milano, a cura di M. Scotini. Bunker or non Bunker, Suitcase Illuminated #4, Ramis Barquet Gallery, Monterrey Mexico. 2005 Sous Le Ponts, Casino Luxembourg, Luxembourg, a cura di Enrico Lunghi Mobilitaly, Museo Maxxi, Roma, a cura di Cloe Piccoli. No Code, National Gallery, Bratislava Slovakia, a cura di Cecilia Casorati Pandemic, Montevarchi Arezzo, a cura di Mario Gorni. 2004 Empowerment, Museo Villa Croce Genova, M.Scotini. Campo Neutro, ex stabilimento Gea, Mi. A cura di Roberto Pinto In Natura X Biennale Internazionale di fotografia, Torino. Anna Detheridge. Ha anche partecipato a: Emergency Biennale, Cecenia Itinerante. Sweet Taboos, Tiranabiennale 3 e Tiranabiennale 2, Albania. Il suo lavoro è stato mostrato in numerose fiere italiane e all’estero, è apparso su Cream3 Phaidon London.
Installazioni e progetti: 2009 Lost at Sea, produz. Assab One, nell’ambito di Noi Siamo Qui- InContemporanea 09 n. 3, Mi. 2006 Paese che vai rumori che trovi, LAP Eco e Narciso, Forno Canavese TO. a.titolo, Francesca Comisso e Rebecca De Marchi Evolution de l’Art, Space, Bratislava Slovakia. Cesare Pietroiusti e SPACE 2001 On the dark side of the street, Concerto e diretta da Radio Popolare Auditorium, Milano. 2000 Survival, Performance in subway Milan/Rome, and web site project Undo.Net. Fondazione Olivetti, Bartolomeo Pietromarchi 1998 Fuorigioco, Disegno Anamorfico, Calabria Sud Italia. Ha tenuto dei workshop, nel 2009 Citta’ d’Arte, con presentazione alla Triennale di
Milano. 2008 Art for the World, Shake your Rights, NABA Milano, Etnorami, (III Edizioni ) Nomadismi dell’Arte Contemporanea, all’ Accademia di Belle Arti L’Aquila.

Video

Foto

17/11/2014