Jazz al MA*GA

L'estate del MA*GA si apre con un programma di concerti Jazz organizzto in collaborazione con Associazione NAGA e Valore in Comune. Per tutto il mese di giugno una serie di appuntamennti saranno abbinati ad apertivi e degustazioni presso il MA*GABar.

Ecco il programma

Sabato 7 giugno – ore 19.30 – Gabriele Boggio Ferraris 4Tet

Sabato 14 giugno – ore 19.30 – Francesca Ajmar Trio

Sabato 21 giugno – ore 19.30 – “IN and OUT” Quartet

Mercoledì 25 giugno – ore 21.00 – Max De Aloe Quartet


INFO GENERALI

Ingresso gratuito con la card VALOREinCOMUNE
(possibilità di sottoscriverla direttamente in museo)

Per i concerti con inizio alle 19.30 possibilità di aperitivi, a costo di 6 EURO,  con i prodotti di qualità di:
ALIMENTARIA CRENNESE – Piazza Repubblica, 3 – Gallarate
DA PIFFY – Pizza da asporto – Via Magenta, 20 – Gallarate
CASA DEL TORTELLINO – Via Ercole Ferrario, 29 – Gallarate
GEA MARKET DI LUIGI FEDERICI – Via Checchi, 21 – Gallarate
Le GHIOTTONERIE DI CECILIA – Via S. Giovanni Bosco, 3 – Gallarate

PROGRAMMA DETTAGLIATO:

Sabato 7 giugno – ore 19.30 – Gabriele Boggio Ferraris 4Tet

Gabriele Boggio Ferraris (Vibrafono), Carlo Gravina (Sax), Giacomo Tagliavia (Contrabbasso), Alessandro Rossi (Batteria)

Il quartetto di Boggio Ferraris presenta il nuovo progetto discografico “Penguin Village”. La musica di questa band è fortemente influenzata dagli “eroi” musicali del vibrafonista, da Pat Metheny a Brad Mehldau, passando per Thelonious Monk, Bill Evans, Michel Petrucciani fino a rock band come Nirvana e Radiohead.

Gabriele Boggio Ferraris è stato premiato tra i primi dieci vibrafonisti italiani in tutte le edizioni dei “JAZZIT AWARDS”. Il suo quartetto è completato dal sassofonista di salernitano Carlo Gravina e da due giovani astri nascenti del jazz italiano, Alessandro Rossi alla batteria e Giacomo Tagliavia al contrabbasso, già partners di artisti del calibro di Giovanni Falzone e Gianluca di Lenno.

Sabato 14 giugno – ore 19.30 – Francesca Ajmar Trio

Francesca Ajmar (voce, Michele Franzini (piano), Tito Mangialajo Rantzer (contrabbasso)

“Scriverò musica ebraica: un viaggio dell’arte dei grandi songwriters americani degli anni ‘30”. L’immaginario musicale americano è stato largamente composto da figli o nipoti di emigrati dall’Europa dell’est: uomini e donne fuggiti dalla povertà e dai pogrom per cercare rifugio negli Stati Uniti. La voce di Francesca Ajmar accompagnerà il pubblico in un percorso di scoperta, attraverso la musica di Irving Berlin, Jerome Kern, George Gershwin, Harold Harlen e altri grandi autori.

Francesca Ajmar ha studiato improvvisazione jazz con Sheila Jordan, Kate Baker, Tiziana Ghiglioni, Shawnn Monteiro, Jay Clayton. Tra le sue collaborazioni: Antonio Faraò, Umberto Petrin, Gabriele Mirabassi, Ferdinando Faraò, Attilio Zanchi, Beppe Caruso e molti altri. Al MA*GA presenta il nuovo progetto realizzato con Tito Mangialajo Rantzer, contrabbassista riconoscibile per il suono profondo e caldo, presente tra l’altro nelle colonne sonore dei film di Silvio Soldini, e Michele Franzini, musicista di grande talento, collaboratore di grandi nomi tra i quali Andrea Dulbecco, Ralph Alessi, Lee Konitz, Tiziana Ghiglioni, Tino Tracanna, Fabrizio Bosso e tanti altri.

Sabato 21 giugno – ore 19.30 – “IN and OUT” Quartet

Tommaso Starace (sax alto), Massimo Colombo (piano), Attilio Zanchi (contrabbasso), Tommy Bradascio (batteria)

Quattro musicisti di fama internazionale, ciascuno dei quali con un curriculum d’eccezione. Un quartetto moderno e raffinato, attento e rispettoso della tradizione Jazz. “IN and OUT” interpreta e ricerca brani non usuali di autori significativi nella Storia del Jazz, da Thelonious Monk a Wayne Shorter, da Steve Swallow ad Adderley Cannonbal.

BIO: Attilio Zanchi (contrabbasso) fa parte dello storico quintetto di Paolo Fresu. Nel corso della sua carriera ha registrato oltre 100 dischi di cui 7 con progetti a suo nome e a svolto più di mille concerti. Ha suonato con Lee Konitz, Tony Scott, Sam Rivers, Chick Corea, Peter Erskine, Phil Woods, John Stowell, Steve Lacy e tantissimi altri maestri del jazz. Tommy Bradascio, batterista, lavora con musicisti di fama internazionale, da Don Friedman, a Jeff Fuller, da Tino Tracanna a Franco Cerri, Renato Sellani, Dado Moroni, Emilio Soana, Paolo Tomelleri e altri. Massimo Colombo, compositore, arrangiatore, pianista, collabora con Paolo Fresu, Enrico Rava, Gianluigi Trovesi, Franco D’Andrea, Billy Cobham, Tony Scott e altri. Ha collaborato con la Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Muti per la registrazione di un cd dedicato alle musiche di Nino Rota. Tommaso Starace (sax alto) ha all’attivo 5 album a suo nome ed ha suonato con musicisti del livello di Billy Cobham, David Liebman, Paolo Pellegatti, Gianni Giudici. Nel 2008 è stato premiato con l’Honorary Membership by Birmingham Conservatoire per la sua attività musicale.

Mercoledì 25 giugno – ore 21.00 – Max De Aloe Quartet

Max De Aloe (armonica cromatica e fisarmonica), Roberto Olzer (pianoforte), Marco Mistrangelo (contrabbasso), Nicola Stranieri (batteria)

“BJORK ON THE MOON” è un progetto visionario ed eclettico che vede questo affiatatissimo quartetto di jazz affrontare le composizioni dell’universo musicale di Björk, artista straordinaria in grado di stupire come cantante, musicista, compositrice e persino come attrice. Björk e la sua musica sospesi tra generi così diversi tra loro da sembrare inconciliabili vengono ridisegnati in questo progetto che non mancherà di sorprendere. Il progetto è anche un CD ed LP editi da AbeatRecords (Björk on the moon – ABJZ 105)

BIO: Max De Aloe, tra i più attivi armonicisti jazz in Europa, annovera nel suo curriculum prestigiose collaborazioni in sala di registrazione e/o dal vivo con musicisti del calibro di Kurt Rosenwinkel, Adam Nussbaum, Paul Wertico, Bill Carrothers, John Helliwell dei Supertramp, Renato Sellani, Gianni Coscia, Gianni Basso, Dado Moroni e molti altri. Ha all’attivo dieci album come leader e più di venti come ospite, ma anche spettacoli in solo e collaborazioni con poeti, scrittori e registi, tra i quali Lella Costa, Oliviero Beha, Paolo Nori, Alessandro Mari, Giuseppe Conte, ecc. Nel Top Jazz 2011, Max De Aloe si è aggiudicato il primo posto come armonicista jazz in Italia (stesso risultato ottenuto nel 2008, 2009, 2010). E’ fondatore e direttore dal 1995 del Centro Espressione Musicale di Gallarate, dove insegna tecnica d’improvvisazione jazz, pianoforte, fisarmonica e armonica cromatica ed è stato docente dell’Accademia d’Arti e Mestieri dello Spettacolo del Teatro alla Scala di Milano per i corsi finanziati dal fondo sociale europeo. La prestigiosa casa editrice americana SHER MUSIC ha da poco edito il suo metodo didattico Method for Chromatic Harmonica,  con presentazione, tra i tanti, di Toots Thielemans. E’ endorser dell’azienda tedesca Hohner.

INFO GENERALI

Ingresso gratuito con la card VALOREinCOMUNE
(possibilità di sottoscriverla direttamente in museo)

Per i concerti con inizio alle 19.30 possibilità di aperitivi, a costo di 6 EURO,  con i prodotti di qualità di:
ALIMENTARIA CRENNESE – Piazza Repubblica, 3 – Gallarate
DA PIFFY – Pizza da asporto – Via Magenta, 20 – Gallarate
CASA DEL TORTELLINO – Via Ercole Ferrario, 29 – Gallarate
GEA MARKET DI LUIGI FEDERICI – Via Checchi, 21 – Gallarate
Le GHIOTTONERIE DI CECILIA – Via S. Giovanni Bosco, 3 – Gallarate

In collaborazione con:
FONTANA BAGS – via Mercanti 6 – Gallarate
Istituto Clinico SAN CARLO – Via Castelfidardo, 19 – Busto Arsizio
NAGA – Negozianti Associati Gallarate
Y-TECH – piazza Volontari 4 – Milano
COOPERATIVA SOCIALE TOTEM O.N.L.U.S – via Vergani 1 – Varese (VA)

Foto

25/6/2014