Lezioni d'arte contemporanea 2004-05

Lezioni d’arte contemporanea Dicembre 2004 - Aprile 2005
Un ciclo introduttivo all’arte contemporanea, dall’Impressionismo agli anni Novanta del nostro secolo, rivolto principalmente agli studenti e a coloro che per la prima volta si accostano alla creatività del nostro tempo. Rispetto alle precedenti edizioni le lezioni introducono il pubblico non tanto ai singoli artisti quanto alle tematiche emergenti che hanno segnato l’evoluzione delle ricerche artistiche internazionali. Particolare attenzione inoltre viene posta alla stretta contemporaneità.

12 gennaio 2004
Verso la frammentazione del reale: Cubismo, Futurismo e i loro esiti.
Donata Pacchetti.

19 gennaio 2004
Verso la frammentazione del reale: Cubismo, Futurismo e i loro esiti.
Donata Pacchetti.

26 gennaio 2004
La rivelazione dell’arte astratta. Dalla spiritualità di Kandinskij al rigore matematico di Mondrian.
Emma Zanella.

2 febbraio 2004
La rivelazione dell’arte astratta. Dalla spiritualità di Kandinskij al rigore matematico di Mondrian.
Emma Zanella.

9 febbraio 2004
Provocazione, caos, subconscio. Il Dada e il Surrealismo in Europa.
Paola Caravati.

16 febbraio 2004
Segno gesto e materia nelle poetiche informali del secondo dopoguerra.
Alessandra Bertolè Viale.

23 febbraio 2004
Segno gesto e materia nelle poetiche informali del secondo dopoguerra.
Alessandra Bertolè Viale.

2 marzo 2004
Arte del quotidiano: New Dada, PopArt, Nouveau Réalisme.
Giulia Formenti.

6 aprile 2004
Arte come volontà e non rappresentazione (Joseph Beyus). Ricerche e sperimentazioni negli anni della contestazione.
Vittoria Broggini.

10 novembre 2004
L’affermazione della modernità: da Monet a Van Gogh una linea di lettura.
Liliana Bianchi.

17 novembre 2004
L’affermazione della modernità: da Monet a Van Gogh una linea di lettura.
Liliana Bianchi.

24 novembre 2004
Il dramma del reale: Espressionismo ed Espressionisti nelle avanguardie storiche.
Alessandra Bertolè Viale.

1 dicembre 2004
Il dramma del reale: Espressionismo ed Espressionisti nelle avanguardie storiche.
Alessandra Bertolè Viale.